Lenntech <!-- PLUGIN:LANGUAGE:water_treatment_and_purification --> Lenntech <!-- PLUGIN:LANGUAGE:water_treatment_and_purification -->

Curio - Cm

Proprieta' chimiche del curio - Effetti del curio sulla salute - Effetti ambientali del curio

Numero atomico

96

Massa atomica

(247) g.mol -1

Elettronegativita' secondo Pauling

ignota

Densita'

13.51 g.cm-3 a 20°C

Punto di fusione

1340 °C

Punto di ebollizione

ignoto

Raggio di Vanderwaals

ingoto

Raggio ionico

ignoto

Isotopi

10

Guscio elettronico

[ Rn ] 5f7 6d1 7s2

Scoperto da

G.T. Seaborg nel 1944

Curium (Cm)

Curio

Prende il nome da Marie e Pierre Curie. Il curio è un metallo duro, fragile, argenteo che si appanna lentamente in aria secca a temperatura ambiente. Il curio si triva naturalmente; è prodotto tipicamente artificiale dei reattori nucleari da catture successive di neutroni da perte degli isotopi dell'americio e del plutonio.
Il curi e' molto radiattivo, piu' elettropositivo dell'alluminio, chimicamente reattivo. Alcuni composti sono noti, come i floruri.

Anche se il curio segue l'americio nel sistema periodico, in realta' è stato scoperto prima dell'americio ed era il terzo elemento transuranico da scoprire. È stato identificato da Glenn Seaborg, James e Albert Ghiorso nel 1944 presso il laboratorio metallurgico wartime di Chicago come conseguenza del bombardamento con lo ione elio di Pu-239 in un ciclotrone da 60 pollici del laboratorio di radiazione di Berkeley. Quantita' visibili (30 mg) di Cm-242, sotto forma di idrossido, furono isolate per la prima volta da Werner e da Perlman dell'Università della California, Berkeley nel 1947. Nel 1950, Crane, Wallmann e Cunningham hanno trovato che la predisposizione magnetica di campioni di CmF3 di un microgrammo era dello stesso ordine di grandezza di quella di GdF3. Ciò forniti una prova sperimentale diretta per l'assegnazione della configurazione elettronica al Cm+3. Nel 1951, gli stessi prepararono per la prima volta curio nella sua forma elementare.

Applicazioni

Il curio-242 ed il curio-244 sono usati in programmi spaziali come fonti di calore per generatori di energia compatti termoionici e termoelettronici.

Il curio nell'ambiente

Il curio probabilmente si trova narutalmente sulla terra, ma in quantita' estremamente piccole. Depositi concentrati di uranio possono produrne alcuni atomi, attraverso gli stessi processi che producono atomi di nettunio e plutonio.

Effetti del curio sulla salute

Il curio può essere assunto nel corpo attraverso cibo, acqua potabile, o respirando l'aria. L'assorbimento gastrointestinale da alimenti è la fonte più probabile di tutto il curio internamente depositato nelle persone in genere. In seguito di ingestione, la maggior parte del curio è espulso dal corpo in alcuni giorni e non entra mai nella circolazione sanguigna; soltanto circa lo 0.05% dell'importo ingerito entra nella circolazione sanguigna. Del curio che raggiunge il sangue, circa il 45% si deposita nel fegato in cui è mantenuto con un tempo di dimezzamento biologico di 20 anni ed il 45% deposita nelle ossa in cui è mantenuto con un tempo di dimezzamento biologico di 50 anni (per modelli semplificati che non riflettono la ridistribuzione intermedia). La maggior parte del restante 10% è espulso direttamente. Il curio contentuto nello scheletro si deposita pricipalmente sulla superfice delle ossa minerali e soltanto lentamente si ridistribuisce nel volume dell'osso.

Il curio costituisce generalmente un rischio per la salute soltanto se è assunto nel corpo; tuttavia, esiste un piccolo rischio esterno connesso ad isotopi dispari, cioè, curio-243, curio-245 e curio-247. Le vie principali di esposizione sono l'ingestione di cibo e di acqua contenenti curio e l'inalazione di polvere contaminata da curio. L'ingestione è generalmente la via di esposizione che preoccupa a meno che ci sia ad una fonte vicina di polvere contaminata. Dal momento che il curio è assunto molto più rapidamente nel corpo se inalato piuttosto che ingerito, entrambe le vie di esposizione possono essere importanti. La preoccupazione principale per la salute deiva da tumori ossei causati da radiazione ionizzante emessa dagli isotopi del curio depositati sulle superfici delle ossa.

Cancri allo scheletro sono stati osservati in ratti esposti attraverso iniezione endovenosa a curium-242 e curium-244 e cancri a fegato e polmoni in ratti esposti via inalazione.

Effetti ambientali del curio

I test atmosferici delle armi nucleari, che sono universalmente cessati entro 1980, hanno generato la maggior parte del curio ambientale. Incidenti ed altri rilasci da impianti di produzione di armi hanno causato contaminazione localizzata. L'ossido del curio è la forma più comune nell'ambiente.

Il curio è in genere abbastanza insolubile e aderisce molto strettamente alle particelle del terreno. La concentrazione di curio nelle particelle sabbiose del terreno è valutata per essere circa 4.000 volte superiore a quella nell'acqua interstiziale (nei pori fra le particelle del terreno) e si lega più strettamente al terriccio, in cui i rapporti di concentrazione sono ancora più alti (18.000).

Indietro alla tavola periodica degli elementi.


A proposito di Lenntech

Lenntech BV
Rotterdamseweg 402 M
2629 HH Delft

tel: +31 152 755 706
fax: +31 152 616 289
e-mail: info@lenntech.com


Copyright © 1998-2016 Lenntech B.V. All rights reserved