Lenntech <!-- PLUGIN:LANGUAGE:water_treatment_and_purification --> Lenntech <!-- PLUGIN:LANGUAGE:water_treatment_and_purification -->

Astato - At

Proprietà chimiche dell'astato - Effetti dell'astato sulla salute - Effetti ambientali dell'astato

Numero atomico

85

Massa atomica

(210) g.mol -1

Elettronegativita' seconso Pauling

2.2

Densita'

ignota

Punto di fusione

302 °C

Punto di ebollizione

337 °C (estimation)

Raggio di Vanderwaals

ingoto

Raggio ionico

ignoto

Isotopi

7

Guscio elettronico

[ Xe ] 4f14 5d10 6s2 6p5

Energia di prima ionizzazione

(926) kJ.mol -1

Scoperto da

D.R. Corson nel 1940

Astatine - At


Astato

L'astato è un elemento altamente radioattivo ed è il più pesante alogeno noto. Le sue proprietà chimiche sono ritenute essere simili a quelle dello iodio. È è stato poco ricercato perché tutti i suoi isotopi hanno periodi radioattivi corti. Tutto quello che si conosce circa l'elemento è stato determinato conoscendo la sua posizione nella tavola periodica sotto lo iodio e studiando la sua chimica in soluzioni estremamente diluite.

Applicazioni

L'astato non e' stato mai trovato al di fuori di impianti nucleari o di laboratori di ricerca.

L'astato nell'ambiente

La produzione mondiale di astato fino ad oggi e' stimata essere un milionesimo di grammo ed e' virtualmente gia' tutta decaduta.

Effetti dell'astato sulla salute

La quantità totale di astato nella crosta terrestre e' sempre stata inferiore ai 30 grammi e soltanto alcuni microgrammi sono mai stati artificialmente prodotti. Questo, insieme alla sua breve durata, non lascia ragione per considerare gli effetti dell'astato sulla salute umana.
L'astato è studiato in alcuni laboratori di ricerca nucleari nei quali la sua elevata radioattività richiede le speciali precauzioni e tecniche di manipolazione.

L'astato è un alogeno e tende ad accumularsi nella tiroide come lo iodio. Da un punto di vista chimico, si può speculare che la sua tossicità imiterebbe quella dello iodio.

Effetti ambientali dell'astato

L'astato non si presenta in alcuna concentrazione significativa nella biosfera, quindi non presente alcun rischio.



Indietro alla tavola periodica degli elementi.

A proposito di Lenntech

Lenntech BV
Rotterdamseweg 402 M
2629 HH Delft

tel: +31 152 755 706
fax: +31 152 616 289
e-mail: info@lenntech.com


Copyright © 1998-2016 Lenntech B.V. All rights reserved